Tiziana Ficacci

LibereLaiche

Mese: febbraio, 2016

Formazioni specifiche

“Esiste un universo sotterraneo dove fantasie patologiche, camuffate da idee, vengono rimuginate da imbroglioni e fanatici poco acculturati. Ci sono momenti in cui questo universo sotterraneo emerge dalle profondità e di colpo stordisce, affascina e cattura una moltitudine di persone generalmente sane di mente e coscienziose, fino a spingerle ad abbandonare ogni ragione e ogni senso di responsabilità. Di tanto in tanto, può capitare che questo mondo sotterraneo irrompa sulla scena politica e intervenga ad alterare il corso della storia”. Norman Cohn (Londra 1915 – Cambridge 2007)

Lo sappiamo che l’approvazione di questa legge porterà vantaggi a tante persone e che  rappresenta un passo importante per il nostro Paese, però lo stesso ci rimane l’amaro in bocca. Non per il pur grave stralcio all’adozione del proprio figlio che si risolverà, né per la pugnalatina sulla fedeltà, una formuletta da Stato etico che dovrebbe essere cancellata per tutti.

Allora? E’ il ritardo esagerato, il dibattito parlamentare offensivo, i calcoletti prevedibili dei 5stelle, i giudizi di pediatri sociologi preti… che hanno mostrato un Paese stupido arretrato clericale. Neanche conseguente però: se i bambini veramente hanno diritto a una mamma femmina e a un papà maschio perché non proporre la galera per le ragazze madri? E perché non rompere i rapporti diplomatici con quei paesi che contemplano la criminosa maternità surrogata?

Prima o dopo lo raggiungeremo l’Occidente, ma questa lentezza ci fa morire ogni giorno un po’.

http://www.huffingtonpost.it/giuliana-proietti/cerchiamo-la-parola-famiglia-nel-vocabolario_b_9325850.html?utm_hp_ref=italy

http://www.lezpop.it/canada-justin-trudeau-gay/

http://www.avantionline.it/2016/02/i-socialisti-presentano-la-legge-sulla-stepchild-adoption/#.VtLN9X3hDcs

http://moked.it/blog/2016/02/28/adozioni-una-legge-per-tutelare-le-famiglie/

http://80.241.231.25/Ucei/PDF/2016/2016-02-28/2016022832558207.pdf

http://popup.vanityfair.it/2016/02/26/unioni-civili-un-raggio-di-sole-per-litalia/

Annunci

Il biglietto viola

Passione condivisibile quella di Carlo, al quale però una tiratina di orecchie va fatta: le donne sono belle sempre e tutte a qualsiasi età!

Ho da tanto tempo una passione per Milena Gabanelli, la conduttrice di Report, e non solo perché nonostante non sia più una donna giovanissima è ancora molto attraente, quanto per un’ammirazione profonda per la passione civile e l’intelligenza che mette nel suo lavoro di inchiesta. Stamane poi, leggendo il suo ultimo articolo sul Corriere della Sera – che va ringraziato per lo spazio che dà alle sue inchieste – mi sono accorto di esserne proprio irrimediabilmente invaghito.

Gabanelli interviene ancora una volta per spronare le istituzioni a combattere l’evasione fiscale e questa volta lo fa riprendendo e spiegando una proposta di estrema semplicità e di indiscutibile efficacia: mettere fuori corso le banconote da 500 euro.
Sì, quelle banconote che raramente, forse mai, ci sono passate tra le mani. Un taglio scomodo perché a nessuno viene in mente di presentarsi alla cassa del bar o dal giornalaio con la più classica delle richieste: “Scusi, ha da cambiare?”

Le banconote di quel taglio, infatti, hanno corso legale, ma sono virtualmente inutilizzabili per i cittadini normali. Sì, certo, c’è chi sostiene (in malafede) che sia normale per gli italiani, e gli stranieri, andare in giro a fare le spese quotidiane con rotoli di banconote nelle tasche e che per questo sia stato necessario aiutarli innalzando la soglia per l’uso della moneta fino a 3 mila euro per volta, ma la realtà è tutt’altra. Le grandi quantità di contante, ma in modo particolare le banconote da 500 euro, vengono utilizzate quasi soprattutto se non esclusivamente per traffici illegali, per acquistare e vendere armi, droga, pagare ‘mazzette’ … evadere il fisco.

Metterle fuori corso dall’oggi al domani, come sostiene meritoriamente Gabanelli, costringerebbe i possessori a recarsi in banca per depositarle o cambiarle con tagli più piccoli e, grazie alle regole antiriciclaggio, il fisco potrebbe finalmente scoprire fortune di dubbia provenienza.

Gabanelli non ha ‘inventato’ questo stratagemma, ha solo raccontanto una proposta che circola da tempo nell’Ue, ma che stranamente, molto stranamente, non si concretizza mai se anche le istituzioni europee, e non solo quelle italiane, avessero davvero a cuore il problema.
Prendono tempo lasciando che se ne parli per, suggerisce Gabanelli, dare il tempo a chi ha il problema di disfarsi di quelle banconote viola, prima che sia troppo tardi.

Ecco, metterei anche questo tra le priorità di un programma di una forza politica di sinistra.

Carlo Correr

Gravi fallimenti

La domanda che tutti gli italiani si pongono è che razza di animale sia il cattodem (Jena)

Il M5Stelle è un partito che fino ad oggi non ci ha dato nulla. Si pensi alla storia delle unioni civili: vogliamo i matrimoni votiamo la Cirinnà se rimane tale e quale lasciamo la libertà di coscienza alla fine la voteremo tutti vogliamo gli emendamenti di chi vuole affossare la legge. Banderuole coerenti, perché nascono antisistema e preferiscono compromettere leggi importanti piuttosto che mediare.

Intanto vanno dal notaio a giurare fedeltà ai capi e depositare la cauzione.  Che, beninteso, sarà devoluta in beneficenza così come parte dei loro stipendi che servono a  costruire stradine e ponticelli. Cioè, non si lavora in Parlamento per ridurre le prebende esagerate, ma si concede una generosa elemosina al popolo.

Quanto al Pd è stupido, perché non ha ancora capito che il M5S vive per mettere in crisi il sistema politico fondato sui partito. E stupidi soprattutto perché sono divisi quindi inconcludenti. 

Sarebbe l’ora che la partitocrazia, vecchie e nuove sigle, capisse la differenza tra politiche e politica. 

Cattive intenzioni

La cosiddetta “adozione del figliastro”, cioè la possibilità per una persona di adottare il figlio biologico del suo partner, è una norma che esiste in Italia dal 1983 per le coppie eterosessuali sposate e dal 2007 per quelle anche solo conviventi. Serve a proteggere i bambini, prima di tutto. Dal 1983 a oggi non si è segnalata in Italia nessuna patologica esplosione di fenomeni di sfruttamento delle donne e cose del genere: e quella legge fu accolta da sollievo e approvazione, non da proteste di piazza né citazioni dell’Apocalisse.La gestazione per altri – quella cosa che con malsana complicità della stampa oggi chiamiamo “utero in affitto” – in Italia è illegale e proibita, e così resterà dopo l’approvazione della legge Cirinnà: non cambierà niente rispetto a oggi. Semplicemente avranno diritto ad accedere all’”adozione del figliastro” le coppie gay conviventi e i loro figli (esistono già, che piaccia o no). Nei paesi dove norme del genere o persino più avanzate esistono da anni non sono emersi problemi nello sviluppo dei bambini cresciuti da coppie gay: e quei paesi sono ormai tantissimi. Lo stesso dicono gli studi scientifici.Insomma, la stepchild adoption e i-nostri-bambini non hanno niente a che fare con l’opposizione alla legge Cirinnà.Chi dice che “vanno bene i diritti alle coppie conviventi ma la stepchild adoption no”, infatti, dice probabilmente una bugia. Il primo “Family Day”, che portò in piazza molte più persone di quello di qualche settimana fa, fu indetto infatti contro una proposta di legge moderatissima che non prevedeva la stepchild adoption. Se non fosse una questione seria – una di quelle che si possono definire davvero di vita o di morte – ci sarebbe da stralciare la stepchild adoption e andare a vedere il loro bluff. Qual è il problema, allora, se non la stepchild adoption? È il caso di affrontare l’elefante nella stanza: per una fetta significativa dell’opinione pubblica italiana e dei suoi rappresentanti politici, il problema sono le persone omosessuali. La loro esistenza, innanzitutto, e quindi la loro legittima richiesta di parità di diritti a fronte della parità di doveri a cui sono già sottoposti.È lo stesso motivo per cui oggi discutiamo di una legge costruita come la legge Cirinnà, quando in realtà i conservatori – al netto dell’omofobia – dovrebbero preferire i matrimoni gay alle unioni civili. Nel campo dei diritti civili e sociali, la difesa della famiglia fondata sul matrimonio e del matrimonio come pilastro fondante della società è stata per decenni una battaglia dei conservatori. Forse la battaglia centrale dei conservatori sui temi sociali. Al contrario, i progressisti si sono sempre battuti per un’organizzazione sociale più fluida, più libera e soprattutto meno imperniata sul matrimonio e sulla sua indissolubilità, vista come reazionaria, costrittiva, ipocritamente riparatrice di sottomissioni e violenze, che invece giustificava: lo hanno fatto prima lottando per il divorzio, poi lottando per accorciare il più possibile i tempi per il divorzio, poi battendosi per l’allargamento dei diritti alle coppie di fatto, tra le molte altre cose. Per dirla come l’ha detta David Cameron: «Io non sono a favore del matrimonio gay nonostante sia un conservatore; io sono a favore del matrimonio gay perché sono un conservatore».Perché allora i matrimoni gay in Italia sono fuori dalla discussione? Perché il problema per molti sono ancora semplicemente le persone omosessuali: una minoranza per secoli perseguitata, uccisa, maltrattata e discriminata per via di una condizione innata e innocua quanto essere neri o alti o con gli occhi blu. E questo è il motivo più importante e profondo per cui è necessario che il disegno di legge Cirinnà diventi legge dello Stato, e che il Parlamento per una volta pensi alle conseguenze politiche che questa scelta avrà non nelle prossime settimane bensì nei prossimi anni, nei prossimi decenni. Sappiamo ormai per certo che i parlamentari della Repubblica italiana tra poche settimane faranno parlare di sé in tutto il mondo e passeranno alla storia di questo paese: devono solo decidere per cosa.

http://www.francescocosta.net/2016/02/08/per-cosa-vogliamo-finire-sui-libri-di-storia/

Colpo di scena nella già patetica discussione parlamentare sul ddl Cirinnà che regolamenta le unioni civili: i grillini avranno “libertà di coscienza” sulle votazioni perché, come chiarisce Beppe Grillo, la stepchild adoption inserita nel disegno di legge è un “tema etico”. Alfano esulta, e con lui tutti i crociati che fanno della negazione dei diritti altrui la loro missione terrena. 

http://cronachelaiche.globalist.it/Detail_News_Display?ID=125253&typeb=0&unioni-civili-l-ipocrisia-della-coscienza

Due coppie di genitori si trovano a cena per discutere di un problema che riguarda i propri figli maschi appena divenuti maggiorenni: il problema è che i due non sono solo amici…All’inizio i quattro sembrano essere molto civili e dimostrano di avere a cuore solo il bene dei propri ragazzi ma, quando si tratta di discutere della loro omosessualità e della loro volontà di vivere apertamente il loro amore, le cose si complicano notevolmente. Madri e padri mettono in luce tutta la loro fragilità morale e la loro protervia, diventano violenti, paurosi, meschini, facendo emergere anche le loro difficoltà di coppia e le loro frustrazioni. E così durante la serata vi è spazio per litigi violenti, per tradimenti consumati dopo cena, per offese per troppo tempo represse che sono indirizzate al proprio partner.

http://www.avantionline.it/2016/02/lamore-migliora-la-vita-in-scena-al-sala-umberto/#.VsGHj7R6Tcs

http://www.corriere.it/politica/16_febbraio_13/macaluso-le-interferenze-inaccettabili-sono-le-adozioni-bfab29d0-d1c3-11e5-9819-2c2b53be318b.shtml

Il virus Zika, la Chiesa Cattolica e l’aborto (del buonsenso)

http://www.uaar.it/news/2016/02/11/contraccezione-emergenza-questa-sconosciuta/

Giorgetta

Si potrebbe dire chi di spada ferisce… una donna di moderata intelligenza doveva prevedere che un annuncio di un evento privatissimo al Family Day (sic) avrebbe portato ad una reazione goliardica e scombinata.  Tralasciamo le comiche rai che ormai sono  decotte più di me… , ma Giorgetta che oggi si scopre donna ha mai solidarizzato con le altre che sono messe all’indice dal web volgare e dai suoi compagni (compresi quelli del suo partito?) Non mi sembra, al più ha sgranato i suoi occhioni e a scosso la frangia con fastidio.  Male ha fatto Renzi ha inviarle un mazzo di rose che avrebbe potuto dirottare alla sfortunata giovane madre puteolana a cui il fidanzato che non voleva  più ha dato fuoco.  Male , perché Giorgetta è una sperperona, al pari dell’impiegato sanremese che timbrava in mutande, considerato che non ha mai reso conto dei suoi progetti faraonici al ministero della gioventù che, sembra assurdo, ha guidato.

Nonostante tutto Giorgetta col suo annuncio è stata utile, perché ha mostrato quanto i pregiudizi facciano presto a sciogliersi.  Qualche anno fa una politica di destrissima avrebbe nascosto la pancia in attesa di indossare l’abito bianco, invece oggi non ha remore. Il mondo cambia e magari fra un paio d’anni anche il sig. Gandolfini si pentirà di aver parlato a ben due milioni (boom) di omofobi .

Comunque auguri e speriamo che sia femmina.

https://liberelaiche.wordpress.com/2015/06/18/come-per-lavinia-e-francesco/

http://www.corriere.it/cronache/16_febbraio_02/i-sogni-carla-quel-ragazzo-fiero-72137fb4-c92c-11e5-8532-9fbac1d67c73.shtml

Discorso a parte va fatto per l’anima del Family, la signora Costanza Miriano autrice dell’imperdibile libro Sposati e sii sottomessa. Domenica sera, nonostante un marito e 4 figli, perdeva tempo a chiacchierare con Labate e Parenzo su la 7. Siete cattolici integralisti medioevali? Si, allora a quell’ora a casa a preparare la cena e mettere i pupi a letto.